martedì 1 agosto 2017

REVIEW PARTY de Sotto la luce di mille stelle di Cinzia La Commare

Buon giorno, bloggers e lettori! Oggi recensirò per voi il nuovissimo romanzo di Cinzia La Commare, un dolce contemporary romance che vi appassionerà e farà battere forte il vostro cuore.



PREMESSA
Quando Cinzia mi ha proposto di partecipare al Review Party e al Cover Reveal, ho accettato subito, perché non ho mai letto nulla di suo. Avrei dovuto leggere i suoi romanzi prima di oggi, perché "Sotto la luce di mille stelle" non l'ho semplicemente amato, l'ho adorato!

TRAMA (DA GOODREADS)
Blair Thomson ha ventotto anni, un’infanzia tormentata, una carriera come modella alle spalle e un’imminente matrimonio ad attenderla al ritorno dalle vacanze in Grecia. Vacanze che avrebbe dovuto fare con il suo fidanzato David Davies, stilista di fama mondiale, se non fosse che lui all’ultimo minuto viene trattenuto a Londra per lavoro.

Così Blair si ritroverà svogliatamente a passare due settimane da sola a Zante, fino a quando non incontra Christophe, che in poco tempo diventerà l’unica persona sull’isola su cui lei senta di poter fare affidamento.

Lui è seducente, sfacciato e del tutto intenzionato a tentarla con le sue spiccate doti da seduttore. Tra escursioni in barca, feste in piazza e notti passate sulla spiaggia, Christophe, approfittando dell’assenza di David non perderà occasione per conquistare Blair che dal canto suo però non ha poche remore.

I Davies l’hanno salvata da una vita disagiata quando era solo una ragazzina, hanno fatto di lei una modella acclamata e Blair nutre per quella famiglia una forte gratitudine. Ma è per questo che ha deciso di sposare David? Solo per riconoscenza?

Non se lo era mai chiesto fino a prima che Christophe, in sole due settimane, arrivasse a minare ogni sua certezza.

Può un uomo conosciuto in pochi giorni deviare l’intero corso del destino di Blair, che lei ha sempre creduto già programmato nei minimi dettagli?

RECENSIONE
Blair Thomson è una bellissima modella che vive a Londra con il suo compagno David, sin da quando era piccola. Il mondo a cui appartiene Blair è patinato, tutto orchestrato da interviste programmate in vista del suo matrimonio imminente con lo stilista e capofamiglia David, un uomo che pensa solo al suo lavoro e non si rende conto di quanto sta trascurando la sua donna. Blair e David dovevano andare insieme in vacanza a Zante, prima di iniziare i preparativi per le loro nozze, ma all'ultimo minuto David ha disdetto e lei ha deciso di andare ugualmente lì. Zante è un'isola greca descritta in modo sublime, leggendo potrete percepire sulla vostra pelle il profumo del salsedine e il sale tirare sulla pelle. E' in questo contesto paradisiaco che Blair conosce Christophe, un barcaiolo che lavora anche come guida turistica per lo stabilimento balneare del cugino Andres. Non è amore a prima vista tra i due, anzi. Blair e Christophe litigano sin dal principio, mettendo in evidenza i loro differenti mondi di appartenenza, che finiscono con il cozzare l'uno con l'altro. Ciò che Christophe non sa è che Blair non è una ragazza che pensa solo alla fama, al soldi e alla carriera; dato che la sua carriera come modella ormai è considerata dal mondo della moda e dallo stesso David ormai finita. 

A Zante Blair ritroverà sé stessa e affronterà i demoni del passato che ancora tormentano le sue notti. Blair dovrà affrontare le motivazioni che non la spingono ad andare nella sua terra natia, che sono riconducibili alla morte dei suoi genitori avvenuta quando lei era poco più che adolescente. Ma la sua relazione con David ormai è solo di facciata, non c'è più alcuna passione bruciante tra loro e lei ne sente terribilmente la mancanza. Tra l'altro, David non si preoccupa minimamente di chiederle come si sente o come può stare, o perché lei si risvegli nel cuore della notte mandida di sudore urlando. Quando la passione tra Blair e Christophe scoppia, è come un fuoco indomabile. Seppur sentendosi in colpa, lei non riesce a stare davvero male per le sue azioni. 

Ho sempre rigato dritto, mai una cazzata. Eppure com'è che adesso ho come l'impressione che potrei commetterne una? E anche bella grossa. La peggiore, temo. 

Folle, probabilmente. Ma forse un amore folle è quello che voglio davvero. Quello che credo di meritare.  

Il romanzo viene raccontato ai lettori dalla stessa Blair, che racconta la sua vita e il suo passato. Un espediente narrativo che non si trova spesso nei contemporary romance e che ho apprezzato molto. Blair ci racconta cosa la spinge ad agire così, cosa prova, come la fa sentire la distanza con David e questo crea inevitabilmente una connessione empatica tra il personaggio e il lettore, che si ritrova a simpatizzare per le avventure di Blair. 

Vi saluto con una citazione tratta da questo bellissimo romanzo, a cui io ho dato quattro stelle, e che vi straconsiglio se amate una dolce storia d'amore:
"E' arrivato senza preavviso. Come uno di quegli incubi che ti danno la sensazione di stare precipitando per infiniti chilometri, e ti svegli di soprassalto con il cuore che ti batte nel petto come un tamburo."
(Blair Thomson)

xoxo,
Giada

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...